Gran Pista - Monte Bondone

Come arrivare

Da Vason occorre prendere la seggiovia triposto Palon che porta in cima all'omonimo monte, proprio sopra l'arrivo della seggiovia Rocce Rosse. Tieni la sinistra e le indicazioni ti porteranno all'inizio della pista

Descrizione

La Gran Pista del Monte Bondone è una bella rossa che per la sua totale lunghezza di 3550 metri è da considerare proprio una bella pista con un dislivello di 809 m ed una pendenza media del 30%. L'impianto di risalita Rocce Rosse è una seggiovia carenata a 4 posti ad ammortamento automatico, è veloce e trasporta sino a 1500 persone/ora impiegando circa 8 minuti.

La pista è molto bella e a parte la Palon è da considerarsi la più tecnica e impegnativa del Monte Bondone. Il panorama è spettacolare, sempre in mezzo al bosco: si vede il massicio del Brenta di fronte. Consiglio di percorrerla nella tarda mattina per avere la maggior parte del percorso soleggiato. La pista è larga anche oltre i 30 metri e non è mai troppo affollata (l'ho percorsa a Natale), ci sono dei validi muretti nella parte iniziale, quella centrale tranquilla per poi finire con un bel muro alla fine prima di prendere la seggiovia. L'impianto di innevamento è ottimo e permette di usufrire della pista anche durante i periodi poco nevosi.

Informazioni

Località: Monte Bondone
Skirama Dolomiti Adamello Brenta
Quota di arrivo: 1184 m
Quota di partenza: 1998 m
Dislivello: 809 m
Lunghezza: 3550 m
Livello: Medie
Innevamento artificiale:

Articoli promozionali

Goldwin Collezione SCI 2019/20 Amore fino al più piccolo dettaglio

Spirito giapponese di innovazione, smart design e sobria eleganza: questo è il ... CONTINUA
Skipass, la Montagna Bianca in scena a Modena

Il Salone del Turismo e degli Sport invernali più longevo d’Italia torna a Mo... CONTINUA
DOVESCIARE. L'app per non perdersi in pista.

Quante volte ti è successo di perdere gli amici mentre scii? Vuoi per una svolt... CONTINUA

Video

Cartina

Comments

Comment

Secondo me è una delle belle piste, molto piacevole, con alcuni muri che non sono male. Vi consiglio di non scegliere giornate troppo calde per godervela al meglio, perché, arrivando così in basso, l'ultimo muro spesso diventa un macello (tutto a gobbe, pieno di incapaci e di snowboarder piantati in mezzo). La risalita è rapida.

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.