COLERE - Gli impianti ripartono con un nuovo gestore

23 Luglio 2019


Colere cambia passo: Sirpa, la società che fino a oggi ha gestito gli impianti di risalita, ha ceduto con un contratto d’affitto della durata di 6 + 6 anni il proprio ramo funiviario. Ad acquistare, la ditta Rsi, società che fa capo a Silvio Rossi, che negli ultimi anni ha ricoperto l’incarico di caposervizio proprio nella stessa stazione. Luigino Ruffini, presidente di Sirpa spiega che la scelta di cedere la gestione dell’impianto è stata puramente aziendale: “Non riesco più a gestire ogni giorno le questioni che riguardano la struttura, con questa nuova gestione speriamo possa essere seguita molto meglio di quello che riuscivamo a garantire. Sirpa continuerà comunque a interessarsi degli investimenti sugli impianti e si occuperà anche delle strutture ricettive nella zona”. Silvio Rossi, bellunese in Val di Scalve da quattro anni, dal canto suo precisa: “Si era creata una situazione in cui Sirpa e i suoi titolari avevano probabilmente bisogno di defilarsi, non riuscendo a seguire la gestione. Per me invece era arrivato il momento giusto per provare a mettermi alla prova in questi nuovi panni: il contratto che abbiamo firmato prevede un’opzione di 6 + 6 anni di gestione, sempre che non ci siano problemi davvero gravi, come una significativa carenza di neve”. E adesso pronti per la riapertura della stazione: al più presto per far funzionare gli impianti durante l’estate e poi per rilanciare la stagione invernale: Rsi ha dato il via anche alla campagna abbonamenti per l’invernpo, prevedendo l’apertura dal 7 dicembre al 13 aprile dell’anno successivo. Tariffe a partire da 300 euro per le prevendite gli stagionali, con scontistiche per i bambini. Fino a 5 anni si scia gratis.

di A. C.
23 Luglio 2019

Località di cui si parla nell’articolo:

Colere

Articoli promozionali

Alpe Cimbra paradiso dell'outdoor

L’Alpe Cimbra di Folgaria Lavarone e Lusérn in Trentino si trasformano da mag... CONTINUA
Un pezzo di paradiso allo Sport Hotel Panorama

Alle porte delle Dolomiti di Brenta, sull’altopiano della Paganella, un luogo ... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.