Il battesimo del fondista a Villach...


Per un accanito sciatore da discesa  mettere gli sci di fondo è una.. punizione? O una vera esperienza? I miei amici e colleghi ci giocano sempre un po', quando mi capita di ‘dover’ fare sport invernali alternativi. E a volte mi costringono a partecipare a una ciaspolata o a una visita culturale, durante i viaggi nei territori sciistici. Quando magari ci sono fior di comprensori da esplorare li' vicino. Grrrr.... Così è stato l'altro giorno in Carinzia, a Villaco-Villach, di là dal confine di Tarvisio, dove, anziché sciare sulla ski area di casa di Gerlitzen o in quella più distante di Nassfeld-Pramollo (vedi diversi articoli al riguardo qui su dovesciare.it), mi hanno portato al locale centro di sci nordico Villacher Alpen Arena. Ebbene, se non una rivelazione, è stata un'esperienza che ha arricchito il mio bagaglio tecnico e anche culturale. Prima cosa, che forse gli sciatori da discesa non sanno, è che i centri fondo hanno una di 'country house' al centro di vari anelli di lunghezza e difficoltà crescente. Qui si possono noleggiare i materiali, eventualmente sciolinare i propri, usufruire di armadietti, spogliatoi, servizi, bar... Tutto molto rilassato e friendly. Torniamo a me principiante (se si eccettua un’uscita di almeno 15 anni fa con gli sci da classico). Pur essendo la tecnica più difficile, mi sono cimentato subito con i primi passi di skating, anziché  di tecnica classica. Per intenderci, quest'ultima si fa con passo alternato tipo camminata sui binari, con sci che hanno le scaglie nella soletta e non scivolano indietro. L'altra è il pattinato che si vede più spesso nelle gare in tv, la più spettacolare...

Bene: il primo impatto è stato decisamente imbarazzante. La maestra, Caterina Milazzo, giovane ex atleta per metà italiana, deve spiegarmi dall’A alla Z. Come mettere e allacciare le scarpette, come agganciare gli sci... Strano effetto, quello dell'absolute beginner. E mi ha detto: 'Si, questi sci ti sembreranno un po’ scivolosi'... Scivolosi? E che vuol dire? L'ho capito subito. Il tallone libero, no lamine, sci stretti: anche da fermi sembra di poter cadere da un momento all'altro. Beh, dopo un rapido briefing teorico, si parte. Come si parte? Sul piano, Caterina mi invita a 'pattinare' rilassato come se facessi un 'passo spinta' con i miei sci da discesa. Con tre consigli semplicissimi e fondamentali: ginocchia piegate, centralità, guardare sempre avanti e mai le punte, se no... Patapum. Poi spingere lateralmente con punte divaricate, ora con una gamba poi con l'altra, senza pensare troppo alle braccia. L'accorgimento di guardare in avanti e non per terra mi colpisce: sembra banale e invece è tutto. In momenti di difficoltà guardare in basso è un errore frequente anche per sciatori da discesa avanzati. Da evitare assolutamente. Anche la centralità è in comune con lo sci alpino... Uno poi vede le gare in tv dove gli atleti spingono come forsennati, e ti vien da fare il passo troppo rapido. No. Non è certo quello il modello da seguire per un turista alle prime armi. E' sorprendente come vadano forte questi sci stretti, anche senza spingere troppo! Almeno sul piano, da principianti non importa fare una gran fatica, basta ‘pattinare’. Spingere, lo devi fare ovviamente in salita, e non è facilissimo fare ‘prendere’ gli sci.  In salita pronunciata te la cavi invece, per ora, con una scaletta a spina di pesce.

Poi arriva una discesina lungo il tracciato. Ahia. O ti lanci senza paura dentro i binari, o nella parte liscia della pista. Ma meglio, controllare con uno spazzaneve a ginocchia ravvicinate. La neve un po' morbida dà più sicurezza: vorrei vedere se fosse dura... Da panico. Poi man mano prendi un po' di confidenza. Un altro utile consiglio me l'ha dato  Carlo Brena, fondatore ed editore della rivista Sci Fondo. “Non aver paura di tenere le gambe più ravvicinate. Non aver paura di incrociare le code. Da’ fiducia alla gamba che spinge lateralmente, e cerca di prolungare la spinta”. Funziona. Anzi, si va fortissimo, fin troppo! Altro esercizio consigliato da Carlo Brena: senza racchette. Utile per concentrarsi sul movimento delle gambe. Cosi, dopo un po' ho provato anche un percorso più lungo, con discesa più pronunciata. Si certo, sono caduto due o tre volte di sedere perché gli sci mi sono partiti in avanti a causa dell'arretramento. Non vi dico il rialzarsi. Mi sono sentito un bradipo. 'Mettiti sulle ginocchia prima, poi tirati su aiutandoti con le racchette', dice la maestra. Niente. Ho dovuto sganciare uno sci...

Dunque. Guardare avanti, centralità e aggiungerei sensibilità. Vi sembrano familiari questi atteggiamenti? Eh si! Essere sciatori da discesa aiuta un po' chi vuole provare il fondo skating, ma anche il viceversa  - non lo immaginavo proprio - secondo me ogni tanto può far bene. Ma se si vuole diventare un po' autonomi,  occorre prendere più lezioni. Come in tutti gli sport, del resto, ci vuole applicazione e costanza.

Il centro fondo Villach in Carinzia (www.villacheralpenarena.at) denota la notevole cultura per le discipline nordiche della zona, ed è appunto ideale per imparare con tre anelli crescenti fino a 5 km (di cui 3 km omologati FIS come pista da gara). La parte centrale è illuminata fino alle 20 tutti i giorni eccetto la domenica. Si trova ai piedi del monte Dobratsch e ha anche trampolini per il salto da 90, 60, 30 e 15 metri, dove tutto l’anno si allenano i campioni locali.

E dopo… tutti qui, ovviamente: http://kaerntentherme.com/kt-it/  



Articoli collegati

Sciare in città 'part III': Villach - Gerlitzen (Carinzia)

CONTINUA

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.